×











BIOGRAFIE

Maurice Ravel

Maurice Ravel (1875-1937)

Guidò, insieme a C. Debussy, l’innovazione musicale dei primi trent’anni del Novecento, in Francia e ben oltre i suoi confini. Nato in provincia da madre basca e di padre svizzero francese. Studiò prima con H. Ghis (pianoforte) e Ch. René, dal 1889 al conservatorio di Parigi, nelle classi di De Bériot (pianoforte), Pessard (armonia), Gédalge (contrappunto) e G. Fauré (composizione). Compose in quegli anni molte pagine vocali da camera, pezzi per pianoforte e altro. Nel 1898 si eseguirono le Sites auriculaires per pianoforte a 4 mani (poi orchestrate) alla Société Nationale, nel 1899 l’ouverture Shéhérazade e nel 1900 i due Épigrammes de Marot. Concorse quattro volte al Prix de Rome, che non gli fu mai assegnato. Si ritirò da allora in poi da ogni ambiente ufficiale, dedicandosi unicamente alla composizione. Soltanto intorno al 1920-30 ricomparve in concerti quale interprete della propria musica, al pianoforte o sul podio direttoriale.