×











Incontro
05/12/2021
18:30
Mattatoio - La Pelanda

Voci dentro il tempo
Presentazione del cd

Descrizione

presentazione del cd Voci dentro il tempo dell’Ensemble Linguaggi Sonori (Bongiovanni 2019)

intevengono Riccardo Bricchi, Lucio Gregoretti e Antonio Tarallo

 

Il Cd Voci dentro il tempo è il debutto dell’Ensemble Linguaggi Sonori, gruppo di musicisti fondato da Riccardo Bricchi, oboe, Massimo Martusciello, fagotto e Antonio Tarallo, pianoforte. Dopo anni di frequentazione e di progetti musicali svolti insieme, e grazie ai compositori che hanno scritto e dedicato le loro composizioni a questo Ensemble, questo CD è nato sotto l’egida di Bongiovanni, editore che da oltre un secolo, con lungimiranza, intuito e coraggio, esplora l’universo della musica contemporanea.

Il Cd si apre con il trio di Fabio Grasso, Océan sans grèves, una struggente visione dell’universo la cui oscurità infinita non è alla portata della comprensione umana. Segue Variazione per un preludio di Giovanni Guaccero, in cui oboe e fagotto tessono un tema che muta e si evolve sullo sfondo del pianoforte. Verso la fine lo sfondo scompare lasciando libere risonanze nelle quali si libera il canto solistico. Il terzo brano del cd è il Concerto in sei parti di Stefano Taglietti, una evocazione di una specie di rituale ipnotico attraverso l’utilizzo di vari materiali, ritmici e melodici che si sviluppano attraverso sei momenti stilisticamente assai diversi. Segue Meditazioni sonore di Enrico Marocchini, una libera riflessione sulla bellezza del suono, un percorso nella memoria delle tecniche costruttive del linguaggio, apprese nell’arco della propria esistenza. Il penultimo brano, Prender l’aìre, di Tonino Battista, gioca sui diversi significati del titolo: “porre in movimento” ma anche “prendere libero corso”. Qui l’aìre, per assonanza, si trasforma in àire, àere, aria, nei lunghi respiri di oboe e fagotto, esortati nell’andare, ire, dalle figure ritmiche del pianoforte.

Concludono il disco due brani di Claudio Cimpanelli, Walking along the Aurelian Walls e Primi baci lungo le Mura Aureliane (Tender love), brani che abbracciano un percorso di quasi 50 anni e attraversano mutevoli stati d’animo ed emozioni evocate dalle Mura Aureliane, fonte d’ispirazione per il compositore.

 

in collaborazione con Azienda Speciale Palaexpo - Il Mattatoio di Roma

Condividi

Informazioni

Mattatoio – La Pelanda
piazza Orazio Giustiniani, 8

Ingresso libero