×











BIOGRAFIE

Andrea Portera

Andrea Portera (1973)

Il suo lavoro compositivo, con un catalogo di oltre 160 titoli, ha ottenuto consensi e riconoscimenti da grandi nomi del mondo della musica come Berio, Lindberg, Kalevi Aho, Fedele, Noseda, Rhim, Morricone, Vacchi, Sciarrino, Abbado, Osokawa, Luis De Pablo. Tra i numerosi riconoscimenti ricordiamo il prestigioso Uuno Klami, tra i più importanti al mondo; inoltre nel 2001 e nel 2012 riceve per meriti artistici le Medaglie Della Repubblica dai presidenti C. A. Ciampi e G. Napolitano. Le sue opere sono state eseguite da Tokyo Philarmonic, Orchestra Sinfonica della Rai, Bbc Philarmonic, Kymi Sinfonietta, Maggio Musicale Fiorentino, Symphonic Orchestra of the Slovak Radio, Orchestra Nazionale dell’Estonia, Orchestra Nazionale della Grecia, Orchestra Regionale Toscana (ORT), SPCO Chamber Orchestra in Minnesota, i “Pomeriggi Musicali” di Milano, Orchestra Vivaldi, Orchestra da Camera Fiorentina e importanti gruppi cameristici, tra cui Arditti Quartet e Quartetto Indaco, Dedalo Ensemble, Stresa Festival Ensemble, il Birmingham Contemporary Music Group, i Solisti di Zagabria, Ensemble Altrevoci, Mdi Ensemble, Laboratorium Ensemble, Nuovo Contrappunto Ensemble, ContempoArte Ensemble, Quartetto Accademia. Le sue opere sono state dirette da Noseda, Rustioni, Passerini, Sollima, Kawka, Iwamura, Gazon, Logiadis, Carrasco, Peleggi, Boccadoro, Montanari, Guttman. Per il teatro ha collaborato con vari autori, attori, coreografi, scrivendo musiche per S. Massini, S. Lombardo, M. Placido, O. Piccolo, M. Vukotic, M. Crippa. Svolge intensa attivita? didattica alla Scuola di Musica di Fiesole, dove insegna composizione al triennio. Le sue opere sono state pubblicate da Suvini Zerboni, RaiTrade, Eurarte, Premio Bucchi, Le Monnier, Fondazione Guido D’Arezzo, Hudobne Centrum Slovakia, Fondazione Botin. Dal 2010 e? un autore della casa editrice Ema Vinci. E? responsabile Ricerca & Sviluppo PERLART, la sezione di PER Lab (Laboratorio di Psicologia, Emozioni & Ricerca – spin-off dell’Universita? di Firenze in partnership con il Yale Center for Emotional Intelligence).